Con comunicato del Ministero dell’Ambiente pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 35 del 11/2/2013 è divenuto operativo il Registro nazionale delle persone e delle imprese certificate di cui all’articolo 13 del D.P.R. 43/2012.

Tale D.P.R. prevede l’obbligo per le persone e le imprese che operano su apparecchiature contenenti gas fluorurati ad effetto serra di ottenere l’apposita certificazione/attestazione e di iscriversi al Registro telematico nazionale istituito presso il Ministero dell’Ambiente e gestito dalle Camere di Commercio del capoluogo di regione.

Entro il 12 Aprile 2013 dovranno iscriversi al Registro, per il regolare svolgimento dell’attività, le seguenti persone ed imprese:

  • persone che svolgono una o più delle seguenti attività su apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento d’aria e pompe di calore che contengono gas fluorurati ad effetto serra:
    • controllo delle perdite dalle applicazioni contenenti almeno 3 kg di gas fluorurati ad effetto serra e dalle applicazioni contenenti almeno 6 kg di gas fluorurati ad effetto serra dotate di sistemi ermeticamente sigillati, etichettati come tali;
    • recupero di gas fluorurati ad effetto serra;
    • installazione;
    • manutenzione o riparazione;
  • persone che svolgono una o più delle seguenti attività su impianti fissi di protezione antincendio che contengono gas fluorurati ad effetto serra:
    •  controllo delle perdite dalle applicazioni contenenti almeno 3 kg di gas fluorurati ad effetto serra;
    •  recupero di gas fluorurati ad effetto serra, anche per quanto riguarda gli estintori;
    • installazione;
    • manutenzione o riparazione;
  • persone addette al recupero di gas fluorurati ad effetto serra dai commutatori ad alta tensione;
  • persone addette al recupero di solventi a base di gas fluorurati ad effetto serra dalle apparecchiature che li contengono;
  • persone addette al recupero di gas fluorurati ad effetto serra dagli impianti di condizionamento d’aria dei veicoli a motore, che rientrano nel campo d’applicazione della direttiva 2006/40/CE;
  • imprese che svolgono attività di installazione, manutenzione o riparazione di apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento d’aria e pompe di calore contenenti gas fluorurati ad effetto serra;
  • imprese che svolgono attività di installazione, manutenzione o riparazione di impianti fissi di protezione antincendio e di estintori contenenti gas fluorurati ad effetto serra;
  • imprese che svolgono attività di recupero di gas fluorurati ad effetto serra dai commutatori ad alta tensione;
  • imprese che svolgono attività di recupero di solventi a base di gas fluorurati ad effetto serra dalle apparecchiature che li contengono;
  • imprese che svolgono attività di recupero di gas fluorurati ad effetto serra dagli impianti di condizionamento d’aria dei veicoli a motore.
Solo in seguito all’iscrizione, le persone e le imprese potranno ottenere un certificato definitivo o provvisorio, valido per sei mesi, dagli organismi di certificazione designati dal Ministero che a loro volta dovranno essere iscritti nello stesso registro e con le stesse modalità.
In particolare le persone sopra elencate, per ottenere il certificato dagli organismi di certificazione, dovranno superare un esame teorico e uno pratico.
Mentre le imprese per ottenere il certificato dovranno predisporre un Piano della Qualità come definito dalla norma UNI/ISO 10005, che potrà essere integrato con il Sistema di gestione della Qualità secondo la norma ISO 9000 e che servirà a dimostrare le modalità operative, le risorse e le sequenze delle attività relative alla qualità di un determinato prodotto, progetto o contratto.
I modelli delle istanze e delle dichiarazioni da presentare alle Camere di Commercio competenti – esclusivamente per via telematica accedendo al sito www.fgas.it – ai fini dell’iscrizione nel citato Registro sono pubblicati sul sito del Ministero dell’Ambiente.
.
Contatti utili per info:  tel  0575/294476  email  info@servizisrl.net